Dolcett Girls Forum: il ritorno (deludente) dei cannibali

Dolcett Girls Forum

Cannibalismo- Dolcett Girls Forum

Essendo questo l’ unico blog che prova un inconfessabile piacere sessuale per il marcio, il putrido e tutto quello che anche solo alla lontana ha parvenze oscene, oggi vi porterò con me in luogo che pochi conoscono, almeno per quanto riguarda le persone sane di mente.
Vi ricordate il famigerato “Cannibal Cafè Forum”?
E certo che ve lo ricordate; ne hanno parlato in molti ed anch’ io in almeno due occasioni, quindi se fino adesso avete vissuto su Saturno o siete semplicemente ignoranti (cosa molto probabile), vi invito a cercare tra i miei articoli quelli dedicati all’ argomento appena citato oppure buttate un occhio su Google che fate prima, comunque sia, non costringetemi a rispiegare tutto dall’ inizio alla fine.
Al massimo possono venirvi incontro ricortandovi che il Cannibal Cafe Forum era appunto un Forum (presente nel web comune e NON NEL DARK WER come molti continuano a dire), dove veri o presunti amanti della carne umana si incontravano per condividere le proprie fantasie, sfogare le proprie frustrazioni e già che ci siamo, cercare qualche sadico fulminato di cervello desideroso di mangiare qualcuno o farsi macellare.
Un fatto di cronaca nera che vide come protagonisti due utenti nel Cannibal Cafè, portò il sito (fino a quel momento conosciuto solo dagli amanti del genere), sotto i riflettori dei media internazionali, fino a quando venne chiuso dalle autorità.
E fin qui nulla da eccepire, però, cari miei affezionatissimi lettori e bellissime lettrici, nessuno si è ancora posto la domanda delle domande.
Ossia, dove caz.. sono finiti tutti quei cannibali o presunti tali? Hanno trovato un nuovo spazio nel web dove incontrarsi?
Ed ecco che, come spesso accade, vengo in vostro soccorso: facendo delle ricerche un po’ in giro, chiedendo informazioni a chiunque mi capitasse sotto tiro, non ho scoperto una sega: nonostante io sia un blogger affermato, famoso e bellissimo, non mi ha caga.. nessuno.
E la mia autostima ringrazia.
Quindi, manco a dirlo, ho fatto tutto in maniera autonoma fino a quando sono riuscito finalmente a scoprire che, tale Perro Loco, già ideatore del Cannibal Cafe, ha traslocato la sua inquietante “creatura”, su un’ altra pagina denominata “Dolcett Girls Forum”, ma essendo Perro un vero nostalgico che non dimentica il passato, il nome completo recita “Dolcett Girls Cannibal Cafe Online Forum”.
Sono stato una settimana su Dolcett Girls per saperne un po’ di più e, in particolar modo, per cercare di capire quante differenze ci fossero con l’ ormai defunto Cannibal Cafe.
Innanzitutto, si presenta come un normalissimo forum, dove, per partecipare alle conversazioni, devi essere iscritto.
L’ iscrizione è molto semplice: inserisci una mail, un nickname, una password e rispondi a tre domande inutili: “hai almeno 19 anni?”- “sei un essere umano?”- “sei un robot?”.
Una volta concluso il procedimento, la tua adesione verrà controllata dagli amministratori del forum e, non so dirvi in base a quale criteri, puoi essere accettato oppure respinto.
La risposta mi è arrivata circa 24 ore dopo aver creato il profilo, l’ iscrizione era andata a buon fine quindi potevo, con l’ entusiasmo di un verginello che vede per la prima volta una fi.., navigare in mezzo ai cannibali.
Dopo aver appurato che stavo realmente gioendo per una cosa così malata, pensai che forse avevo ormai raggiunto il punto più basso della mia follia e, quindi, trapanarmi lo scroto per punirmi di tanto delirio, sarebbe stata la scelta più consona: fortunatamente per voi donne, però, abbandonai l’ idea e tornai festante tra i “mangiatori di carne umana”.
Dolcett Girls Forum
Adesso vi starete chiedendo “Cosa significa Dolcett Girls?”: Dolcett è lo pseudonimo di un fumettista canadese, conosciuto per le sue opere estremamente violente. I fumetti di Dolcett, infatti, mostrano scene di schiavitù, torture, cannibalismo, sadomasochismo, impalamento, sesso brutale, in cui le vittime sono sempre ragazze giovani, belle e consenzienti, affascinate dall’ idea di essere arrostite e divorate.
In ogni suo racconto c’è sempre una Dolcett Girl, ossia la “carne da macello” che, alla fine della storia, viene uccisa nei modi più efferati.
Dolcett Girls Forum viene spacciato per una sorta di “città californiana virtuale”, di cui Perro Loco è l’ indiscusso sindaco e dove gli uomini commerciano e trasformano le donne in “deliziose bistecche”.
Qui l’ ambiente è meno tenebroso rispetto al Cannibal Cafe: la grafica, i colori, la homepage non trasmettono particolare inquietudine, mentre, nella versione precedente, la presenza del marciume era molto più tangibile.
Visitando il Cannibal Cafe, ti rendevi subito conto che molti utenti erano persone realmente disturbate, mentre in questa nuova board, la situazione è più gestibile anche perchè gli amministratori sono più presenti e più severi nel cacciare gli utenti che violano le regole.
Che poi, a dirla tutta, c’è solo una regola principale: non pubblicare foto, gift o racconti con all’ interno pornografia infantile.
Non tutti sono d’ accordo, alcuni iscritti, infatti, affermano che non ci sarebbe nulla di male nel postare thread con minori come protagonisti, ma su questo il regolamento è rigidissimo e non accetta violazioni.
Dolcett Girls, alla fine, non è altro che un forum a sfondo sessuale, dove gli iscritti (sembrerà strano ma ci sono tantissime donne), raccontano le loro inconfessabili fantasie: l’ unico problema è che su Dolcett Girls il sesso è estremo, violento, perverso.
Il sadomaso è l’ argomento principale ed è qui che inizia la parte più difficile da digerire.
Sono presenti molte immagini in cui uomini o donne vengono torturati durante assi sessuali.
Si inizia con post tipo “15 metodi per fare bene un pompino” oppure “le tecniche migliori per far godere una ragazza”, fino a video che mostrano, ad esempio, donne nude, legate mani e piedi, con una serie di mollette attaccate nelle zone erogene del corpo.
Ogni molletta è collegata ad un filo e tutti questi fili sono legati tra loro in modo da formare un una sorta di corda unica. L’ espressione di sofferenza della ragazza è palese e si trasforma in dolore puro nel momento in cui la corda viene tirata, staccando nel giro di pochi istanti tutte quelle mollette contemporaneamente, con una forza tale da procurare immediati taglie e abrasioni.
Vi assicuro che è davvero disturbante vedere come la pelle si tiri così tanto, che sembra quasi sul punto di strapparsi, soprattutto nelle parti intime.
Il sadomaso non risparmia neanche gli ometti: ricordo infatti un breve filmato in cui ad un ragazzo legato ad una struttura in metallo simile ad una croce, viene praticato del sesso orale.
Il protagonista però, mostra segni di piacere misti ad immenso dolore in quanto le corde che lo tengono fermo, in realtà gli stanno tirando, con vigore, braccia e gambe, come se qualcuno volesse farlo a pezzi, strappargli gli arti inferiori e superiori.
Signore signori questo è il sadomaso; sesso e tortura, o lo amate o lo odiate.
Personalmente mi fa ribrezzo ma si sa “de gustibus non disputandum est”.
Poi sono innumerevoli le immagini di ragazze nude rinchiuse in gabbie, rapporti lesbo, rapporti omosessuali, tantissima coprofilia (particolare parafilia in cui il piacere sessuale si raggiunge cospargerdosi di escrementi) e c’è spazio, anche, per la zoofilia (rapporti con animali) e l’incesto. L‘ incesto è molto gettonato, una vera e propria passione, tanto che diversi iscritti hanno ammesso di aver avuto esperienze sessuali con un componente della propria famiglia (nella maggior parte dei casi fratelli o sorelle) oppure avrebbero desiderato un rapporto incestuoso come prima “avventura erotica”.
Gli abusi su minori sono bannati, mentre “vanno a ruba” i filmati che presentano rapporti intimi tra ragazze e uomini molto, molto anziani.
Un utente, raccontava di 3 ragazze di origine russa, ma che vivevano nel Kentucky, che lui stesso aveva conosciuto tramite il forum, ossessionate dall’ idea di farsi crocifiggere (contemporaneamente) per raggiungere l’ orgasmo perfetto. Era una sorta di gioco estremo che avrebbe visto come vincitrice, la ragazza delle tre che, una volta sulla croce, sarebbe deceduta per utlima.
In mezzo a queste oscenità, il cannibalismo, in realtà, è solo di facciata, nel senso che, navigando da queste parti, ho capito come l’antropofagia venga utilizzata più come forma di “trasgressione” per via della sua natura estrema, ma non rappresenta una vera e propria “passione”, un parafilia, all’ interno del Dolcett Girls.
Il cannibalismo è presente sotto forma di racconti fantasiosi, di immagini in 3D o spezzoni tratti dai fumetti di Dolcett ma, alla fine, persone davvero interessate a cibarsi di carne umana non ne ho trovate e se mai dovessero esserci (non sono riuscito a leggere tutti i contenuti in quanto i thread sono migliaia), sarebbero comunque in netta minoranza.
Si parla anche di argomenti inerenti alla più stretta attualità, svariando da temi politici alla società in generale, cosa che, molto raramente, avveniva nel Cannibal Cafe.
Quindi, in conclusione, Dolcett Girls è un forum da visitare anche solo per curiosità? Sinceramente se non siete amanti del sadomaso, delle torture o di qualunque altra forma di sesso estremo o non convenzionale, potete tranquillamente starne alla larga.
A parte gli argomenti sopra citati, c’è ben poco di interessante anzi, alcune sezioni del forum, come detto in precedenza, sono anche abbastanza oscene, assolutamente sconsigliate a minori o persone facilmente impressionabili.
Io personalmente mi sono parecchio annoiato a visitarlo, ho cancellato l’ iscrizione e non credo che tornerò ancora in mezzo ai quei maniaci sessuali: convinto di trovare qualcosa di davvero inquietante, ben presto ho capito che il cannibalismo tanto esaltato, era solo romanzato, lontano parente della forma sadica e morbosa con cui si palesava nel Cannibal Cafe.

Paolo Mattia

Pubblicato da theevolution

Si consiglia la lettura al solo pubblico adulto. I temi trattati potrebbero offendere la sensibilità di minori, moralisti o deboli di cuore.

Una risposta a “Dolcett Girls Forum: il ritorno (deludente) dei cannibali”

I commenti sono chiusi.