Lisa Snyder: sesso con il cane prima di impiccare i figli

Cronaca Nera Estrema- Zoofilia- Lisa Snyder

Non sembrava così sconvolta Lisa Snyder, 37enne di Albany Township (Pennsylvania- U.S.A.), mentre raccontava ai paramedici appena arrivati in suo soccorso, la tragedia a cui aveva assistito.

Suo figlio Connor, di 8 anni, vittima di bullismo a scuola, si era appena tolto la vita impiccandosi con un guinzaglio agganciato tramite un moschettone, ad una trave nel seminterrato di casa, al 2442 della Route 143.

Ma l’ orrore non si era concluso qui; quel 23 Settembre 2020, anche Brinley, 4 anni, figlia più piccola di Lisa, era stato trovata morta.

Sempre secondo il racconto della donna, qualche giorno prima, Connor aveva esternato tutto il suo dolore per i continui soprusi che subiva da suoi coetanei; voleva morire, ma con sé avrebbe portato anche sua sorella.

Il bambino, quindi, dapprima uccise Brinley soffocandola, la impiccò ad una trave e, successivamente, si tolse la vita con le stesse modalità.

Lisa Snyder
Lisa Snyder

Sin dalle prima battute, gli investigatori non trovarono convincenti le parole di Lisa Snyder, la storia nel suo complesso sembrava troppo surreale e le successive indagini, in effetti, confermarono ulteriormente questi dubbi.

Gli insegnanti di Connor e gli stessi compagni di classe, descrissero la vittima come un alunno ben inserito nel sistema scolastico, senza dubbio lontano dall’ essere un ragazzino emarginato e continuamente vessato dai propri coetanei.

La posizione di Lisa Snyder iniziò a vacillare ulteriormente, nel momento in cui, analizzando il suo telefono, tra le ricerche compiute su Google, vennero trovate parole chiave come: “suicidio- overdose di droga- morte per impiccagione- come uccidere qualcuno”.

Alcune cartelle cliniche, inoltre, mostrarono come la 37enne, in passato, era stata soggetta a diversi problemi mentali, tra cui depressione maggiore con caratteristiche psicotiche, disturbo d’ ansia, disturbo affettivo e depressione post- partum risalente a quando aveva solo 16 anni.

Lisa Snyder
Connor e Brinley

I video ritrovati nello smartphone, poi, fugarono anche la minima perplessità; Lisa Snyder aveva realmente dei serissimi problemi.

Erano innumerevoli, infatti, i filmati e le immagini che la ritraevano in atteggiamenti espliciti, veri e propri abusi sessuali ai danni del suo cane.

E poco prima di uccidere i figli (la storia del doppio suicidio era ormai stata definitivamente smontata), aveva girato un ultimo video, sempre abusando di quell’ animale a cui tanto era affezionata.

Durante il processo, gli avvocati dell’ imputata svelarono, a seguito della perizia psichiatrica, che Lisa, al momento della tragedia, era affetta da disturbo depressivo maggiore ricorrente e grave, disturbo borderline, stress post- traumatico, disturbo di personalità multipla e disturbo associativo.

I problemi mentali si manifestarono in idee suicide e nella percezione che i due figli fossero fisicamente ed emotivamente danneggiati dal mondo esterno e quindi, nel tentativo disperato di proteggerli, ha preferito distruggere le loro giovani vite.

Arrestata lo scorso 2 Dicembre, Lisa Snyder è tutt’ ora detenuta in attesa di giudizio, nella prigione della contea di Berks, accusata di omicidio di primo grado, omicidio di terzo grado, manomissione di prove, pericolo per il benessere dei bambini, crudeltà sugli animali e rapporti sessuali con un cane.

Rischia la pena di morte.

Paolo Mattia

Pubblicato da theevolution

Si consiglia la lettura al solo pubblico adulto. I temi trattati potrebbero offendere la sensibilità di minori, moralisti o deboli di cuore.

Una risposta a “Lisa Snyder: sesso con il cane prima di impiccare i figli”

I commenti sono chiusi.